che cos'è e a cosa serve l'inositolo

Che cos’è e a cosa serve l’Inositolo

3 Maggio 2022 -  OFI S.p.a.

Che cos’è l’Inositolo? 

La vitamina B7, o inositolo, è un nutriente fondamentale per il nostro organismo. Lo si trova in alcuni alimenti ma viene anche prodotto autonomamente dall’organismo stesso. Per questo motivo non viene considerata una vera e propria vitamina, anche se ne assume il nome. Ha una formula identica a quella del glucosio ma diversa struttura molecolare. 

L’inositolo è idrosolubile, come le vitamine del gruppo B: non viene dunque immagazzinato dal nostro organismo ma deve essere assorbito con costanza attraverso gli alimenti.

La comunità scientifica si divide circa la sua classificazione: per molti è classificato come vitamina del gruppo B (Vitamina B7); per altri questa classificazione è scorretta, visto che l’Inositolo viene sintetizzato dal nostro organismo.

L’Inositolo è un componente primario delle membrane cellulari dove si trova sotto forma di fosfatidilinositolo. In natura è presente nei tessuti animali e vegetali: nella soia, nei cereali integrali non trattati, negli agrumi, nel lievito di birra, nelle melasse crude non raffinate, nel fegato, ecc.

A cosa serve l’Inositolo: ecco le sue proprietà

L’Inositolo, stimola la produzione di lecitina, sostanza che compie un’azione di pulizia delle pareti interne delle arterie. Per questo alla vitamina B7 viene riconosciuta la capacità di ridurre il colesterolo nel sangue.

La vitamina B7, o inositolo, impedisce inoltre che a livello di fegato ci siano troppi depositi di grassi e aiuta il cervello a vincere gli stati depressivi e caratterizzati da eccessivo stress fisico e psichico. Grazie all’azione di contrasto del deperimento delle cellule nervose, aiuta inoltre a mantenere la memoria, e per questo risulta utile anche per le persone anziane.

L’inositolo trova un’interessante applicazione nel trattamento dell’insulino-resistenza associata alla sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). Come conseguenza di ciò, l’inositolo potrebbe avere un ruolo utile nel migliorare il profilo ormonale, le anomalie ossidative e i fattori metabolici, e sembra essere abbastanza efficace nel trattamento della bassa fertilità legata a PCOS.

Osservandone gli effetti e i benefici da un punto di vista più ampio emerge chiaramente che l’effetto dell’inositolo è diretto ad ottenere una regolarizzazione e ottimizzazione di diversi sistemi metabolici e ormonali, tant’è che se ne è dimostrata l’efficacia anche per il trattamento della sindrome metabolica.

Dove si trova l’Inositolo?

La vitamina B7, o inositolo, è contenuta soprattutto in:

– lievito di birra

– agrumi

– cereali integrali

– tuorlo d’uovo

– noci

– arance

– banane.

Anche la carne in genere, in particolare il fegato, offre un buon apporto di vitamina B7.

Integratori di Inositolo

L’inositolo è oggetto di ricerca per numerose indicazioni, ma tra tutte spicca sicuramente il trattamento dell’ovaio policistico; tra i suoi effetti più solidi dal punto di vista degli studi disponibili troviamo il miglioramento del profilo di glicemia e ipercolesterolemia e un aumento della probabilità di ovulazione nelle donne che manifestino problemi da questo punto di vista.

È quindi fondamentale assumere integratori di inositolo in maniera responsabile e sotto controllo e consiglio del proprio medico.

Potrebbero interessarti anche:

Acquaporine: cosa sono e a cosa servono

14 Dicembre 2021 -  OFI S.p.A.

Cosa sono i sali minerali e a che cosa servono

23 Novembre 2021 -  OFI S.p.A.

Tutto quello che c’è da sapere sulla vitamina B12

8 Marzo 2022 -  OFI S.p.a.