Le formulazioni 2 in 1 e 3 in 1: di che cosa si tratta?

11 Gennaio 2022 -  OFI S.p.A.

Che cosa sono e che vantaggi hanno le formulazioni 2 in 1 o 3 in 1

Uno degli ultimi trend in cui si assiste nell’industria cosmetica è quello dei prodotti che svolgono più funzionalità: si tratta quindi di formule 2 in 1 o addirittura 3 in 1. 

Perché nascono questo tipo di prodotti? Da una parte vanno incontro a un’esigenza espressa dai consumatori, ovvero la user experience richiesta dal consumatore 5.0 deve essere semplice e sostenibile;  non vogliamo una beauty routine complicata fatta di mille step, ma prodotti con funzionalità precise e step chiari e funzionali.

In più questo tipo di prodotti risponde anche alla crescente esigenza del consumatore di essere sempre più sostenibile. Invece di avere mille prodotti che fanno tante cose, meglio averne meno, con maggiore funzionalità; in un certo senso consumare meno e in maniera più sostenibile e responsabile, utilizzando solo davvero ciò che serve. 

Ed ecco che quindi entrano in scena le formule 2 o 3 in 1, ovvero un prodotto che in realtà ne include due o  tre. 

Le formulazioni 2 in 1 e 3 in 1 di OFI

I laboratori di ricerca e sviluppo di OFI sono sempre attenti alle nuove tendenze e alle innovazioni per cui da tempo propongono formule multifunzionali. 

Ad esempio prodotti che simulano i diversi trattamenti da SPA e da Salone di bellezza, come il caso della bustina bi-dose Trattamento 2 in 1. In una busta c’è la maschera, nell’altra la crema da mettere post maschera per un trattamento beauty perfetto da fare a casa, ma come se si fosse stati in una SPA. 

Oppure ancora formule dedicate alla detergenza come il Gel attivo 3 in 1: una formula avanzata che coniuga all’interno dello stesso prodotto un gel detergente, una maschera e uno scrub per il viso. La funzionalità varia a seconda di come lo si usa: usato normalmente svolge la sua funzione di detergenza e pulizia viso. La formula però contiene anche delle beads di carbone vegetale attivo; sfregando sulla pelle le beads si attivano svolgendo anche la funzione di peeling e di scrub. 

Se poi si lasciano le beads di carbone in posa per 10 minuti il prodotto svolge anche la funzione di maschera al carbone con effetto detox e di pulizia profonda. 

Vediamolo nel dettaglio:

Funzione detergente: le Beads di Carbone vegetale da Cocco sospese nella speciale texture in gel aiutano a rimuovere il sebo in eccesso, basta applicare quotidianamente sulla pelle del viso umida, massaggiare con movimenti circolari rompendo le beads di carbone e risciacquare abbondantemente.

Funzione maschera: per migliorare la luminosità della pelle, combattere la lucidità e renderla più morbida. L’acqua di Hamamelis e il succo di uva bianca svolgono un’azione emolliente lenitiva e rinfrescante. Il carbone attivo favorisce l’ossigenazione della pelle. 

Funzione scrub: le particelle di carbone vegetale esfolianti naturali, rompendosi con il massaggio si attivano asportando le cellule morte in modo delicato senza irritare la pelle.

Per maschera e scrub basta applicare sul viso 2-3 volte a settimana, evitando il contorno occhi. Massaggiare con movimenti circolari rompendo le beads di carbone e lasciare in posa per cinque minuti. Infine risciacquare abbondantemente. 

Potrebbero interessarti anche:

La nuova cosmetica ripara la cute dai danni dei DPI

18 Novembre 2020 -  OFI S.p.A.

Moderni attivi funzionali: peptìdi superstar, ecco cosa sono e come agiscono

31 Agosto 2021 -  OFI S.p.A.

Retinolo: tutto quello che c’è da sapere su questo attivo

28 Settembre 2021 -  OFI S.p.A.